giovedì 4 agosto 2022

Varoufakis e la Germania: ride bene chi ride ultimo

 

C'è voluto qualche annetto ma alla fine la storia ha dato ragione a Voroufakis e torto ai tedeschi. Nemmeno tutti i tedeschi. Solo i falchi della Bubdesbank

In questo articolo il grande economista greco si leva dalla scarpa non sassolini ma macigni.  Rilevanti anche le intuizioni sulla transizione ecologica che non si può  fare in un modello finanziario centralizzato costruito sull' economia fossile. Buona lettura a tutti.

Sympathy for Germany

Jul 26, 2022YANIS VAROUFAKIS

Greeks and other southern Europeans could now be feeling schadenfreude as Germany faces the collapse of its economic model in the face of the Ukraine war and the new cold war with China. But with a democratic Europe in the balance, this is no time to gloat.



ATHENS – It is never easy to wake up to the news that your country’s business model is busted. It is difficult to acknowledge the obvious: that your political leaders had either been deluded or lying to you when they assured you for decades that your hard-earned living standards were safe. That your immediate future now relies on the kindness of foreigners determined to crush you. That the European Union, in which you had placed your trust, had been engaging in a permanent concealment exercise. That your EU partners, to whom you are now appealing for help, look at you as a villain whose comeuppance is long overdue. That economic elites in your country and beyond are seeking novel ways to ensure that your country remains stuck. That you must endure massive, painful changes to ensure that nothing changes.



Greeks know this feeling. We experienced it in our bones in early 2010. Today, it is the Germans who are facing a wall of condescension,

facing a wall of condescension, antipathy, and even mockery. Ironic as it may seem, no Europeans are better placed than the Greeks to understand that the Germans deserve better; that their current predicament is the result of our collective, European failure; and that no one – least of all the long-suffering Greeks, southern Italians, Spaniards, and Portuguese (the PIGS as we were once called) – benefits from schadenfreude.

The tables have been turned on Germany because its economic model relied on repressed wages, cheap Russian gas, and excellence in mid-tech mechanical engineering – particularly manufacturing cars with internal combustion engines. This resulted in massive trade surpluses during four distinct post-World War II phases: under the US-led Bretton Woods system, which provided fixed exchange rates and market access to Europe, Asia, and the Americas; then, after the collapse of Bretton Woods, when the single European market proved highly lucrative for German exports; again following the introduction of the euro, when vendor financing opened the floodgates for both goods and capital flowing from Germany to Europe’s periphery; and, finally, when China’s hunger for intermediate and final manufacturing products took up the slack after the euro crisis dampened demand for German goods in southern Europe.

Germans are now slowly coming to terms with the demise of their economic model and are beginning to see through the multifaceted Big Lie their elites were repeating for three decades: Fiscal surpluses were not prudence in action, but rather a monumental failure, during the long years of ultra-low interest rates, to invest in clean energy, critical infrastructure, and the two crucial technologies of the future: batteries and artificial intelligence. Germany’s dependence on Russian gas and Chinese demand was never sustainable in the long term; and they are not mere bugs th


at can be ironed out.


The claim that the German model was compatible with Europe’s monetary union is also being exposed as false. Lacking a fiscal and a political union, the EU was always going to saddle Club Med governments, banks, and corporations with unpayable debts, which eventually would force the European Central Bank to choose between letting the euro die and embarking upon a permanent bankruptcy-concealment project.

Germans are realizing this today as they observe a hamstrung ECB which is damned if it raises interest rates substantially (causing Italy and others to implode) and damned if it doesn’t (allowing runaway inflation). While it never should have been the ECB’s job to save the euro from its flawed foundations, Germans can see that their politicians lied to them that their economic model could survive the 2008 crisis as long as other eurozone countries practiced enough austerity. They are also coming to understand that their leaders’ stimulus-phobia led to permanent socialism for the southern European oligarchs, the Franco-German bankers, and various zombified corporations



Once upon a time, those of us who criticized the notion that every eurozone country should become like Germany objected that the German model worked only because no one else had adopted it. Today, with the end of cheap gas and America’s new cold war with China, the German model is kaput even for Germany. Yes, German exports will rebound, aided by the low value of the euro. Volkswagen will sell a lot more electric cars once supply chains are restored. BASF will bounce back, once energy supplies are secured. What will not return is the German model: A large chunk of Volkswagen’s revenues will go to China, whence the battery technologies come, and mountains of value will shift from the chemical industry to AI-related sectors.

Some German friends are pinning their hopes on the falling euro to restore the German model to health. It won’t. Low-savings countries with a structural trade deficit, like Greece or Ghana, do benefit from devaluation. High-savings countries with a structural trade surplus, do not – all that happens is that poorer domestic consumers subsidize richer exporters, which is precisely the opposite of what the German social economy needs.



My message to German friends is simple: Quit mourning. Cut through the denial, anger, bargaining, and depression, and start designing a new economic model. Unlike Greeks, you still have enough sovereignty to do so without the permission of creditors.

But first, you must resolve a critical political dilemma: Do you want Germany to retain political and fiscal sovereignty? If so, your new model will never work within this eurozone of ours. If you do not want to go back to the Deutsche Mark, you need a model embedded within a full-fledged, democratic European federation. Anything else will continue the Big Lie with which you are now painfully coming to terms


domenica 5 giugno 2022

Riflessioni spontanee su chi vuole salvare il paesaggio dall'energia rinnovabile.

 


Ernesto Galli Della Loggia oggi tuona contro le pale eoliche a Orvieto dalla pagine del Corriere della Sera, aggiungendosi al coro dei difensori del paesaggio un tanto al metro quadro che ormai ci hanno abituato alle loro filippiche anti energia rinnovabile in nome di una pelosa attenzione a un paesaggio minacciato a loro dire dagli impianti solari e eolici mentre hanno sempre ignorato gli impianti fossili che stanno portando all'estinzione della razza umana. 

Al riguardo io ho fatto una proposta. 

La ripeto. 

Protestare contro l'eolico che "deturperebbe" il paesaggio si può.  Ma ad una condizione: chi lo fa deve esibire documentazione di aver partecipato a proteste di uguale o maggiore intensità  contro (nell'ordine) centrali a carbone, raffinerie, acciaierie e altri impianti siderurgici, gasdotti, oleodotti, centrali a turbogas, depositi di carburante etc. 

Vuoi protestare contro le pale eoliche a Orvieto? Favorisci cortesemente il video di quando hai protestato in piazza per la chiusura di quella fogna killer dell'ILVA! 



Vuoi opporti al fotovoltaico nella campagna veneta? Esibisci preliminarmente le foto di quando ti sei incatenato ai cancelli della raffineria di Mestre in prossimità della città più  bella del mondo! 

Vuoi impedire la costruzione del fotovoltaico galleggiante sul lago di Bracciano? Mostra gentilmente le immagini dei tuoi sit-in contro il gasdotto TAP a Lecce. 



Non hai mai protestato contro lo stupro del passaggio da parte degli orrori degli impianti fossili? Allora abbi la sensibilità e il buon gusto di continuare a tacere di fronte alle installazioni di impianti rinnovabili. Chiedo troppo?



sabato 9 aprile 2022

PROCESSATE IL CREMLIMINALE!


 Ormai non c'è più  niente da negoziare. Dopo decine di migliaia di morti e milioni di profughi provocato dall'invasione russa in Ucraina, dopo le atrocità di Mariupol, Bucha, Irpin, Kharkiv, Mikolaiv  il bombardamento di profughi alla stazione di Kramatorsk, non vedo proprio cosa ci sia da negoziare.  Evitare il conflitto atomico? Non credo che Putin lo abbia evitato fino ad ora per scrupolo di coscienza.  E non credo che il cremliminale Putin rispetterebbe un qualunque eventuale pseudoaccordo in tal senso. Non capisco chi continua a parlare di cose assolutamente fantasiose come "accordo", "cessate il fuoco", "corridoi umanitari", quando è  chiarissimo, con buona pace di Orsini, che il Cremliminale sta sterminando un intero popolo per impadronirsi della loro nazione. Sta uccidendo i civili e distruggendo le loro abitazioni per creare una insopportabile pressione migratoria sui paesi europei. 

Il Cremliminale non va eletto al rango di interlocutore negoziale. Va incriminato per crimini contro l'umanità davanti al Tribunale Penale Internazionale. Devo fare un disegnino illustrativo di questa piccola      ma incontestabile ver


Come un assenso fatto di silenzio ha reso possibile Bucha
GUERRA IN UCRANA, BUCHA DOPO L'ATTACCO RUSSOCome un assenso fatto di silenzio ha reso possibile BuchaTutto questo lo spiega magistralmente ANDREI KOLESNIKOV, senior fellow dell'ufficio di Mosca di Carnegie Endowment for International Peace, che è stato chiuso dalle autorità russe nella serata di venerdì 8 aprile, probabilmente in seguito alla pubblicazione di questo articolo, già uscito, con qualche differenza, anche in russo su The New Times e poi tradotto  in Italiano e pubblicato da EUNews.
ANDREI KOLESNIKOV

Come un assenso fatto di silenzio ha reso possibile Bucha

La conoscenza di ciò che era accaduto ad Auschwitz fu un campanello d’allarme per il pubblico tedesco del dopoguerra, che non aveva voluto saperne nulla mentre la guerra era in corso. Dal 24 febbraio anche il pubblico russo si è rifiutato di sapere qualcosa, barricandosi dal mondo dietro la lettera Z – che in Russia è diventata un simbolo della guerra – come un crocifisso che potrebbe scongiurare il male.

Non c’è certezza che la conoscenza di ciò che sta accadendo nelle città ucraine di Mariupol e Bucha sarà un campanello d’allarme per i russi che li costringerà a pensare alla pace in termini di pentimento. Nonostante l’affermazione di Theodor Adorno secondo cui dopo Auschwitz scrivere poesie era diventato impossibile, dopo Auschwitz e i massacri di ebrei di Babi Yar da parte dei nazisti in Ucraina, è stata scritta molta buona poesia. Dopo il bombardamento di Guernica da parte della Legione Condor della Germania nazista nel 1937, Picasso ha prodotto il suo dipinto iconico con lo stesso nome. Dopo Mariupol, i talk show sui canali della TV di stato russa continuano a vomitare odio in tutto il resto del mo


La tragedia di una nazione che ha rivendicato a priori l’ideologia del putinismo è che in Russia non ci sarà nessuno a pentirsi per Mariupol. Lo storicismo del putinismo, il suo focus ideologico sul passato e sull’imbiancare le pagine più oscure della storia del Paese, conosce solo eroi, non vittime. Di conseguenza, il culto della vittoria della Russia nella seconda guerra mondiale non si è trasformato in una lezione su come evitare la guerra, ma in un culto della guerra stessa. Le lezioni della storia sono state distorte, capovolte, degradate e trasformate in agitprop.

L’ideologia putinista è del tutto priva di qualsiasi contenuto positivo. Non ha obiettivi positivi o un’immagine del futuro desiderato. L’intera identità dei putinisti si basa su qualcosa di negativo, e il militarismo ne è una parte importante. Sotto questo tipo di ideologia, un eroe non è Yury Gagarin, il primo uomo nello spazio, ma un delinquente senza nome chiamato “Motorola”, il combattente russo del Donbas. Qualcuno che, invece di aprire la strada a un futuro umanistico, ci ha riportato in un passato arcaico, completo di trincee, sangue, pidocchi e omicidi.

Uccisioni e violenze vengono eroicizzate. Le principali istituzioni ch normalmente richiamano la fiducia stanno diventando istituzioni di violenza: l’esercito e la polizia segreta dell’FSB. E tutto questo è benedetto dalla Chiesa ortodossa russa ufficiale. Se in epoca sovietica la distruzione per il bene di obiettivi elevati era sanzionata dal dipartimento della propaganda del comitato centrale del Partito Comunista, ora lo fa la Chiesa.

Un’ideologia che coinvolge l’idea di una nazione russa unificata che includa anche gli ucraini ha ucciso quell’idea, avendo creato un’identità negativa per gli ucraini. Dopo Bucha e Mariupol, non ci potrà mai più essere una nazione unificata. E i russi porteranno lo stigma di coloro che hanno permesso al putinismo di realizzarsi e che lo hanno sostenuto.

IL SILENZIO COME COMPLICITÀ

Ora si pone la questione della colpa e della responsabilità, inclusa la colpa collettiva e la responsabilità per quanto accaduto tra Ucraina e Russia. Per il fatto che la Russia è stata ricacciata nello stesso stato morale degli anni più repressivi e paranoici del terrore stalinista, quando denunciare un’altra persona era considerata una virtù e un dovere, quando il nero era bianco. Per il fatto che la Russia sta attraversando una catastrofe antropologica.

I normali sentimenti per un normale cittadino della Federazione Russa, non un soggetto di Vladimir Putin, sono un terribile inferno interiore di orrore e vergogna. Vergogna per quello che ha fatto Putin, e per la testarda ostinazione con cui molti dei nostri connazionali lo sostengono, profanando così il concetto stesso di patriottismo. La maggioranza, guidata dallo squadrone della morte femminile guidato dalle portavoce dei media statali Olga Skabeyeva e Margarita Simonyan e dalla portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova, non si vergogna. Al contrario, sono allegri. La minoranza si vergogna, sia per se stessa, sia per queste cheerleader della morte.

Queste stesse emozioni furono provate da persone che conservarono la capacità di pensare, dubitare e provare compassione nel 1968, quando i carri armati sovietici arrivarono a Praga durante l’invasione della Cecoslovacchia. Allora, proprio come adesso, anche le persone venivano detenute e condannate semplicemente per aver aperto un cartello. La Russia di Putin, tuttavia, ha lasciato l’era Breznev nella polvere in termini di numero di vittime e arresti.

Nel 1968, la dissidente Larisa Bogoraz partecipò a una manifestazione sulla Piazza Rossa di Mosca contro l’invasione. Nella sua dichiarazione finale al processo nell’ottobre di quell’anno, ha detto qualcosa di molto importante che è rimasto rilevante per molti anni a venire, ed è importante ancora una volta oggi: “Per me non bastava sapere che non avevano la mia voce a sostenerli. Per me importava che non sentissero la mia voce contraria… Se non l’avessi fatto [rivendicò il 25 agosto 1968], mi sarei ritenuta responsabile di quelle azioni del governo, così come tutti i cittadini maggiorenni del nostro Paese sono responsabili di tutte le azioni del nostro governo”.

In una Russia libera e democratica, gli scolari avrebbero dovuto imparare a memoria queste parole e il 25 agosto avrebbe dovuto essere celebrato come l’anniversario del risveglio della coscienza nazionale. Invece, gli scolari vivono in una Russia diversa: quella in cui la verità viene derisa come una falsa e dove a quei bambini viene insegnato a denunciare i “traditori nazionali”.

Dopo essere stata bruscamente interrotta dal giudice, Bogoraz ha continuato: “C’era un’altra considerazione che avevo contro l’andare alla manifestazione… Quella era l’inutilità pratica della manifestazione, che non avrebbe cambiato il corso degli eventi. Ma alla fine ho deciso che per me non si trattava di cosa avrebbe fatto di buono, ma della mia responsabilità personale”.

Allo stesso modo, il cantautore dissidente sovietico Alexander Galich ha cantato: “Quante volte siamo stati in silenzio in vari modi – e non ‘contro’, ovviamente, ma ‘per'”. Per lui, il silenzio, proprio come nell’interpretazione di Bogoraz, è complicità con il azioni del regime.

IL CIECO CHE GUIDA IL CIECO

Secondo la logica di Larisa Bogoraz, quindi, coloro che approvano o tacciono hanno, come minimo, la responsabilità collettiva di ciò che sta accadendo nel proprio Paese e di ciò che lo Stato sta facendo. E questa, molto probabilmente, è la differenza tra colpa collettiva e responsabilità collettiva: qualcosa di cui la filosofa Hannah Arendt ha scritto molto nel suo lavoro sulla responsabilità dei tedeschi dopo la seconda guerra mondiale.

“Nella Germania del dopoguerra… il grido ‘Siamo tutti colpevoli’ che a prima vista suonava così nobile e allettante in realtà è servito solo a discolpare in misura considerevole coloro che erano effettivamente colpevoli. Dove tutti sono colpevoli, nessuno lo è”, ha scritto la Arendt nel suo articolo “Responsabilità collettiva”, tracciando un confine tra responsabilità politica (collettiva) e colpa morale e/o legale. Il che non è assolvere il popolo tedesco dalla responsabilità per quello che è successo.

Tutto questo deve ancora venire per il popolo russo, che è già equiparato ai tedeschi degli anni ’30 e ’40 agli occhi dell’opinione pubblica in gran parte del mondo (non solo in Occidente). Nella ricerca della “denazificazione”, hanno acquisito l’infamia dei “nazificatori”.

In situazioni estreme, come le “operazioni militari speciali” di Putin, qualsiasi silenzio è a favore, non contro. Questo è il caso della responsabilità collettiva. Per questo la maggioranza, la cosiddetta opinione pubblica, non vuole credere ai “falsi” (cioè alla verità) e giustifica le azioni di Putin.

La conformità passiva non è meno terribile della conformità attiva e aggressiva. La mancanza di responsabilità collettiva (“non ha nulla a che fare con me”) dà origine alla responsabilità collettiva. È cecità collettiva volontaria. La nazione segue Putin come il cieco che guida il cieco. Quando una nazione diventa cieca, sorda e muta, Mariupol e Bucha diventano possibili.

UNA GLEICHSCHALTUNG GENERALE

Questo è ciò che in epoca nazista veniva chiamato Gleichschaltung: il vile adattamento della gente comune al regime politico in cui vive. Il filosofo tedesco Jürgen Habermas lo ha descritto come il “passaggio volontario all’ideologia prevalente”. Il concetto ha caratterizzato la coscienza di massa della nazione dal 1933, quando Hitler divenne cancelliere. Un fenomeno simile fu visto sotto Stalin e negli anni crepuscolari dell’Unione Sovietica.

Gleichschaltung spiega gli ultimi sondaggi, che mostrano che l’80 per cento dei russi sostiene “l’operazione militare speciale” del proprio Paese. Non tutti coloro che hanno affermato di sostenerlo supportano davvero i combattimenti, la distruzione e le uccisioni, ovviamente. Ma dicendo che lo fanno, si sono uniti al silenzioso “per”, quindi dobbiamo prendere sul serio questi numeri.

Ne ha parlato anche Larisa Bogoraz nella sua dichiarazione finale in tribunale: “Il pubblico ministero ha concluso il suo intervento suggerendo che la sentenza che chiede sia approvata dall’opinione pubblica… Non dubito che l’opinione pubblica approverà questa sentenza, così come ha già approvato sentenze simili, poiché approverebbe qualsiasi sentenza … L’opinione pubblica approverà un verdetto di colpevolezza, in primo luogo perché le saremo presentati come parassiti, come eretici e trasmettitori di un’ideologia nemica. E in secondo luogo, se qualcuno ha un’opinione diversa da quella ‘pubblica’ e trova il coraggio di esprimerla, presto si ritroverà dove sono io”.

Se una nazione non si ferma mai a pensare a cosa le è successo e a cosa è stato fatto con il suo consenso, troverà migliaia di modi per giustificarlo. Di quello che ha chiamato “l’uomo della mafia”, la Arendt ha scritto: “quando la sua occupazione lo costringe ad uccidere persone, non si considera un assassino perché non lo ha fatto per inclinazione ma per capacità professionale. Per pura passione non farebbe mai del male a una mosca”, ha scritto nel suo articolo “Colpa organizzata e responsabilità universale”.

Questo spiega sia la manifestazione allo stadio Luzhniki di Mosca a sostegno della guerra, sia le scene a Bucha, così come l’80 per cento delle persone che sostengono la guerra o tacciono. “Non ha niente a che fare con noi”. “Questo è solo il modo in cui le cose hanno sempre funzionato”. “Ci è stato detto che lì ci sono nazisti”. “Stavamo solo eseguendo gli ordini.” “Avevamo paura di perdere il lavoro”. “Avevamo un mutuo da pagare”.

E in effetti, non c’era niente che potessero fare. Perché hanno volontariamente rinunciato alle libere elezioni e alla democrazia: uno strumento per mantenere la coscienza della nazione e garantire l’efficienza dell’amministrazione. Perché hanno smesso di pensare e hanno fatto infiniti compromessi. E quei compromessi finirono nel disastro di un generale Gleichschaltung.

domenica 14 novembre 2021

Carbone "out" o carbone "down"? Il tradimento di Glasgow in una parola.

Come la celebre lepre della favola di Esopo che si attarda nella corsa con la tartaruga, sicura di riuscire a batterla e alla fine rimane beffata, la COP dell'ONU sul cambiamento climatico rimane sempre una lunghezza indietro rispetto all'emergenza climatica lenta ma inesorabile (proprio come la tartaruga). 

Adesso si sono accorti che c'è il cambiamento climatico e che la colpa è dei fossili. Ma quanto a smettere di finanziarli neanche a parlarne. 

Carbon Neutrality? Velleità da ambientalisti oltranzisti. 

Relegare il carbone nel passato? Fantasie da estremisti! 

Smettere di finanziare le fonti fossili con soldi pubblici? Non scherziamo per favore!  

E quindi di smetterla col carbone non se ne parla. Cina, India, Brasile non possono consentirlo. 

"E se i grandi produttori di energia da carbone non ci stanno", dicono i Grandi, "qui bisogna essere realisti". 

E va bene. Vogliamo essere realisti? Vogliamo attenerci ai fatti? Eccoli i fatti: in Sicilia e Sardegna intere zone costiere spazzate via da cicloni ci una forza inaudita mai visti prima. 














In Germania in pieno agosto, ci sono stati oltre 200 morti e 800 feriti in alluvioni violentissime mai registrate prima che hanno devastato alluvioni che hanno devastato i Länder di Coblenza e quella della Renania Palatinato e lungo il flusso del fiume Ahr  nell’area di Bad Neuenahr-Ahrweiler

Le perdite economiche globali dovute a disastri e catastrofi naturali sono stimate a 77 miliardi di dollari nella prima metà del 2021, mentre erano 114 miliardi di dollari nel 2020, come emerge da un report pubblicato da Swiss Re che sottolinea anche che la media delle perdite dovute a eventi climatici negli ultimi dieci anni è di 108 miliardi di dollari annui, mentre  4.500 persone hanno perso la vita o sono scomparse in eventi catastrofici nel primo semestre 2021.











“Gli effetti del cambiamento climatico si manifestano con temperature più calde, innalzamento del livello del mare, precipitazioni più irregolari e condizioni meteorologiche estreme. Insieme al rapido sviluppo urbano e all’accumulo di ricchezza nelle aree soggette a disastri, i pericoli secondari, come tempeste invernali, grandine, inondazioni o incendi, portano a perdite catastrofiche sempre maggiori. L’esperienza finora nel 2021 sottolinea i crescenti rischi di questi pericoli, esponendo comunità sempre più grandi a eventi climatici estremi. Ad esempio, la tempesta invernale Uri ha raggiunto un costo paragonabile a quello provocato da un uragano. Il settore assicurativo deve potenziare le sue capacità di valutazione del rischio per questi pericoli meno monitorati per mantenere ed espandere il suo contributo alla resilienza finanziaria” continua il report, per poi concludere che "il cambiamento climatico, rappresenta uno dei maggiori rischi per la società e l’economia globale. La recente analisi dell’Ipcc delle Nazioni Unite conferma che ci dobbiamo aspettare condizioni meteorologiche più estreme in futuro e sottolinea l’urgenza di agire per limitare il riscaldamento globale”.

L'IPCC, ( o Intergovernamental Panel on Climate Change), è un organismo costituito dall'ONU nel 1988 che funziona da foro scientifico delle Nazioni Unite, l'Organizzazione meteorologica mondiale e il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente allo scopo di studiare il riscaldamento global. In pratica è il gruppo di esperti creato per fornire i dati su cui si devono basare le decisioni delle Conference of Parties (COP) sul cambiamento climatico ( https://www.ipcc.ch/ ) Il Panel, si esprime attraverso appositi rapporti di valutazione che analizzano lo stato del cambiamento climatico e le possibili conseguenze sul pianeta e per la razza umana a breve medio e lungo termine. Il rapporto di valutazione è quinquennale e l'ultimo è previsto pwe il 2021/2022 e comprende i contributi di tre gruppi di lavoro:

  • Gruppo di lavoro I: basi fisico-scientifiche
  • Gruppo di lavoro II: impatti, adattamento e vulnerabilità
  • Gruppo di lavoro III: mitigazione del cambiamento climatico

Il primo studio è stato pubblicato nel 2021, gli altri due sono previsti per il 2022. 

Lo studio pubblicato ad agosto 2021 spiega che in base a nuove simulazioni dei modelli climatici, nuove analisi e metodi che combinano numerose evidenze, e che portano ad una migliore comprensione dell’influenza umana su un’ampia gamma di variabili climatiche, compresi gli estremi meteo-climatici, diventa evidente che  il livello di riscaldamento globale di 1,5°C verrà superato a meno che non ci siano riduzioni immediate, rapide e su larga scala delle emissioni di gas serra, vi si legge, limitare il riscaldamento a circa 1,5°C o addirittura 2°C sarà un obiettivo fuori da ogni portata ( per maggiori informazioni vedi https://ipccitalia.cmcc.it/climate-change-2021-le-basi-fisico-scientifiche-i-cambiamenti-climatici-sono-diffusi-rapidi-e-si-stanno-intensificando/ ).

Tali riduzioni immediate dovevano essere l'oggetto delle decisioni di Glasgow, ma non sono state prese in considerazione mentre si è andati avanti secondo una logica "Business as usual" perfetta per  continuare a ballare sul titanic ma catastrofica per prevenire la scomparsa della razza umana sul pianeta.

Infatti il documento approvato alla COP di Glasgow non ha nessun senso dell'emergenza catastrofica che stiamo vivendo e non solo non ha previsto alcuna limitazione e riduzione degli incentivi di 6000 miliardi di dollari annui elargiti all'energia fossile (https://www.qualenergia.it/articoli/fossili-2020-sussidi-5-900-miliardi-dollari/#:~:text=Al%20contrario%2C%20nel%202020%2C%20i,interno%20lordo%20a%20livello%20mondiale.)  ma, con un emendamento astutamente  presentato dagli indiani  fuori tempo massimo mentre gli inservienti spegnevano le luci e i custodi cominciavano a far defluire i presenti, è previsto che il carbone non venga più eliminato  (phased out dal mix energetico mondiale (come proponeva l'Unione Europea), ma solo gradualmente ridotto (phased down), 

E pensare che c'è chi ha il coraggio di considerarlo "un successo", solo perché un accordo è stato raggiunto e per la prima volta è stato concordato di ridurre il consumo dei "fossili" per attenersi all'obiettivo di più un grado e mezzo entro fine secolo nel documento finale. 

Non c'è stato nemmeno accordo sui tempi di erogazione dei fondi per le popolazioni e i paesi più colpiti dai cambiamenti climatici. I Paesi ricchi rimangono abbarbicati ai loro sacchi di monete come Paperon de Paperoni, e non si rendono conto che così facendo perdono ancora più soldi, quindi la loro è una strategia inefficace anche dal loro punto di vista. Infatti Alok Sharma. presidente della COP 26, nel presentare queste ridicole conclusioni è scoppiato a piangere davanti al plenum dei delegati.

Forse è venuto il momento di prendere atto del fatto che la COP è diventata uno strumento obsoleto, incapace di prendere sul serio perfino gli studi che commissiona essa stessa all'International Panel on Climate Change, e quindi bisogna inventare strumenti nuovi per combattere il cambiamento climatico e dare una chance di sopravvivenza alla razza umana sul pianeta, e che è venuto il momento di creare nuovi organismi animati da giovani e organizzazioni della società civile anziché da governi complici delle grandi lobby fossili. 




Per maggiori approfondimenti sul sesto rapporto di valutazione dell'IPCC:
Il Sesto Rapporto di Valutazione fornisce una valutazione dei cambiamenti climatici su scala regionale più dettagliata rispetto al passato. Per la prima volta il rapporto include un focus sulle informazioni utili per valutazione del rischio, l’adattamento e altri processi decisionali che sono di aiuto nel tradurre i cambiamenti fisici del clima – calore, freddo, pioggia, siccità, neve, vento, inondazioni costiere e altro – nei loro significati più diretti per le società e per gli ecosistemi.

Queste informazioni regionali possono essere esplorate in dettaglio nel nuovo Atlante interattivo (https://interactive-atlas.ipcc.ch/), dove sono disponibili anche schede sulle regioni, il riassunto tecnico e il rapporto che è alla base del materiale fornito.
L’influenza umana sul clima passato e futuro
“È chiaro da decenni che il clima della Terra stia cambiando, e il ruolo dell’influenza umana sul sistema climatico è indiscusso”, ha detto Masson-Delmotte. Il nuovo rapporto riflette anche importanti progressi nella scienza dell’attribuzione – la comprensione del ruolo dei cambiamenti climatici nell’intensificazione di specifici eventi meteorologici e climatici come ondate di calore estreme e precipitazioni intense.

Il rapporto mostra anche che le attività umane hanno ancora il potenziale per determinare il corso del clima futuro. È chiara l’evidenza scientifica che mostra che l’anidride carbonica (CO2) è il principale motore dei cambiamenti climatici, anche se altri gas serra e inquinanti atmosferici contribuiscono a influenzare il clima.
“Stabilizzare il clima richiederà riduzioni forti, rapide e costanti delle emissioni di gas a effetto serra, e raggiungere emissioni nette di CO2 pari a zero. Limitare altri gas serra e inquinanti atmosferici, specialmente il metano, potrebbe avere dei benefici sia per la salute che per il clima”


mercoledì 22 settembre 2021

Manifesto per le Comunità Locali di Interpreti, Artisti e Musicisti (C.L.A.I.M.)


Appello alle istituzioni



La musica e l'arte giocano un ruolo fondamentale nello sviluppo dell'essere umano.



Ascoltare e fare musica, specialmente per i giovani, e aiuta a superare momenti difficili, rappresenta



un elemento di riscatto umano e sociale.



Ma spesso i giovani incontrano ostacoli insormontabili che rendono difficile se non impossibile 



coltivare la loro passione per uno strumento o per il canto, per altre forme d'arte. Mancano spazi



nei  quali sia possibile coltivare le proprie passioni artistiche, suonando, cantando, recitando,



dipingendo e  sperimentando qualunque pratica artistica e musicale da soli o con altri.



Degli spazi in cui sia anche possibile incontrare altri musicisti, provare, mettersi alla prova davanti



a un  pubblico, sperimentare la propria abilità e creatività, imparare a confezionare un prodotto



musicale da  mettere in rete.



Per questo, gli artisti firmatari di questo manifesto, propongono la creazione di apposite "Comunità 



Locali di Artisti, Interpreti e Musicisti" (C.L.A.I.M.), con spazi dedicati messi a loro disposizione 



gratuitamente in ogni Comune e Municipio a partire dalla Capitale d'Italia



Noi siamo a vostra disposizione per creare d'intesa con i vostri assessorati alla cultura e agli affari 



sociali, un comitato comunale per la creazione e la gestione di case delle arti e della musica,



finanziato  dal bilancio comunale e da appositi programmi europei, che sia aperto anche alle



associazioni del  territorio e della società civile, ai comitati di quartiere, e che identifichi da subito



tutti gli spazi che potrebbero essere utilizzati per realizzare questa proposta.



Please don't ignore our C.L.A.I.M.


Questo manifesto è firmato da un numero crescente di artisti italiani e lo faccio mio perchè è totalmente nello spirito di questo blog.

Giuseppe Bockarie Consoli (in arte Laioung)




Anouar Jamali



Yesr Shabaka

Simone Meschia

Davide Lezzi (in arte Riesen)

Leonardo Magara (Fenderfunk)

Davide Marini

Alessio Romeo (name)

Samuel Fontana

Manuel Gagliardi

Marco Lorica (pheros)

Alessio Passini

Federico Del Bianco

Maurizio Lipoli

Gabriele Fabbri

Manuel Zaffiro

Mirko Bonavita

Riccardo Cianfoni

Carlo Caso

Stefano Lacopo (Skasso Love)

Davide Arcadi

Sergio Kotbi

michele giuliacci

cristiano liguti

Omar Shabaka

Manal Abdel

Sayed Shabaka

Mustafa Jamali

Fatima Badr

Silvia Trapanese

Stefano Antonaci

Lorenzo Iorio

Simone urbani

Anastasia Iannotta

Aurora Sciarrini

Denise pintore

Jelena maslovara

Fabrizio Ranzani

Mattia Montebianco

Federico montebianco

Ginevra Parrotta

Alessandro Listo

Ilaria Testay

Emiliano Spezia

Christian Picone



venerdì 26 marzo 2021

UNA GRAN DONNA DI NOME ANGELA

"Signora Merkel sbaglio o lei indossa lo stesso vestito di ieri?"
"Sono una funzionaria pubblica non una modella!"


La Merkel lascia la politica. La Germania le tributa 6 minuti di applausi.
In questo articolo di Marianne Gentile la si ricorda per quello che ha significato per il suo Paese. Ma io vorrei ricordarla anche per quello che ha significato per l'Europa. lei, di destra e cattolica ha fatto politiche più di sinistra di qualunque Schroeder e più politiche ambientaliste di qualunque "Groene". L'ho conosciuta nel 2004 appena insediatasi e ricordo il suo volto ispirato quando conobbe Rifkin (a questo argomento ho dedicato un intero capitolo del mio libro European Psycho). Ricordo anche che da professoressa di fisica comprese perfettamente il messaggio di Jeremy sul rispetto delle leggi della termodinamica nei modelli energetici, contro la combustione dei fossili e per la promozione delle rinnovabili, e riuscì a portare l'Europa sulla stessa linea.
Ma oggi voglio ricordarla come donna e come essere umano nobile, concreto e schietto. E per questo lascio la parola alla giornalista italo tedesca Marianne Gentile.

"La Germania ha detto addio ad Angela Merkel con sei minuti di calorosi applausi.
I tedeschi l'hanno scelta per guidarli, e lei ha condotto 80 milioni di tedeschi per 18 anni con competenza, abilità, dedizione e sincerità.
Durante questi diciotto anni di leadership nel suo paese, non ci sono state violazioni. Non ha designato una segreteria per nessuno dei suoi parenti. Non ha ostentato il suo ruolo. Non ha combattuto contro coloro che l'hanno preceduta.
Quando parlava, non diceva cazzate. Non si è presentata nei vicoli di Berlino per essere fotografata.
Lei è la donna che è stata soprannominata ′′ La signora del mondo ′′ ed è stata descritta come l'equivalente di sei milioni di uomini.
Pochi giorni fa Merkel ha lasciato la posizione di leadership del partito e l'ha consegnata a coloro che l'hanno sostituita, la Germania e la sua gente tedesca sono in una forma migliore rispetto a prima del suo arrivo.
La reazione dei tedeschi è stata senza precedenti in tutta la loro storia. Tutti in città sono usciti delle case e hanno applaudito calorosamente e spontaneamente per 6 minuti di fila.
Non c'è stato alcun complimento, ipocrisia, rappresentazione o esagerazione. La Germania si è presentata come un solo corpo salutando il suo leader, una fisica chimica che non si è lasciata sedurre dal potere, dalla moda o dalle luci. Non ha comprato immobili, auto, yacht o aerei privati, sapendo che era dell'ex Germania Est. Ha lasciato il suo posto dopo aver lasciato la Germania in mani sicure.
Diciotto anni alla guida del paese e non è cambiata. In una conferenza stampa un giornalista chiese alla Merkel: - noto che il suo vestito è lo stesso di ieri, non ne ha un altro?
Lei rispose: - Sono un funzionario del governo e non una modella.
In un'altra conferenza stampa gli è stato chiesto: - La signora ha domestiche che puliscono la casa, preparano i pasti, ecc.?
La sua risposta è stata: - No, non ho bisogno di loro. Io e mio marito facciamo questi lavori a casa ogni giorno.
La signora Merkel vive in un normale appartamento come ogni altro cittadino. Questo appartamento è quello in cui viveva prima di essere eletta Primo Ministro della Germania e non l'ha lasciato. Non possiede una villa con impiegati, piscine e giardini.
Questa è Angela Merkel, il primo ministro della Germania, la più grande economia d'Europa.