Loading...

sabato 17 settembre 2016

RENZI E LA "BATTAGLIA" DI MARZABOTTO! ORRORE SEMANTICO O IGNORANZA DELLA STORIA?

Renzi contestato dai partigiani nel dibattito alla Festa dell'Unità di Bologna è una NON notizia.  Ormai il "non eletto" ci ha abituato agli attacchi verso chi dissente dalle sue idee, opinioni, strategie, e la contestazione verso un personaggio simile che impedisce qualunque tipo di confronto di idee sia nelle aule parlamentari (abusando dell'istituto della "Fiducia") sia al di fuori (scappando come un coniglio da conferenze stampa con giornalisti non addomesticati), rimane l'unica forma di espressione del dissenso, spesso represso brutalmente dalla polizia (vedi recenti episodi di Catania e Napoli, nonché la stessa Bologna).
A Bologna Renzi è riuscito a coprirsi di ridicolo perfino con 
Carlo Smuraglia, ex partigiano, Presidente novantaquattrenne dell'ANPI, e raffinato giurista con più pubblicazioni all'attivo di quelle che Renzi abbia mai potuto leggere.
Carlo Smuraglia, Presidente ANPI
Ma la vera
notizia qui è un'altra e non viene da articoli come quelli linkati in appendice ma mi arriva via email da Luca Baiada, Magistrato della Corte di appello militare di Roma che ha indagato sull' "Armadio della vergogna» in cui erano stati insabbiati i fascicoli sulle stragi naziste in Italia rimaste impunite, che ho avuto il privilegio di conoscere all'ANPI di San
Lorenzo (dove sono regolarmente iscritto con tessera numero 120414) quando ha presentato il suo libro "Raccontami la storia del Padule. La strage di Fucecchio del 23 agosto 1944: i fatti, la giustizia, le memorie
Ci dice Luca Baiada 
"Avete sentito il confronto Renzi-Smuraglia? Avete notato le ultime parole di Renzi sulla memoria? Ha detto testualmente:
"Nel mio cuore c'è il settantesimo, vissuto a Marzabotto, con Ferruccio e gli altri eredi di quella battaglia, perché...".  
Marzabotto, la più grave strage di civili in Europa Occidentale durante la guerra, è diventata una BATTAGLIA! Nel 1944 il Resto del Carlino scrisse che erano dicerie. I tedeschi dissero (e ancora qualcuno lo sostiene) che erano stati aerei americani (fu detto da un tedesco anche a Fucecchio, 174 morti. Ma questo è il Presidente del Consiglio Italiano!" MALEDIZIONE (aggiungo io!) 
A Roma sarebbe come dire: "la battaglia delle fosse ardeatine".

Ecco abbiamo un Premier che è così estraneo alla cultura partigiana che riesce perfino a usare la terminologia minimizzatrice mistificante e fuorviante della propaganda nazista secondo cui le loro stragi erano "battaglie" mentre le azioni di legittima difesa dei partigiani" erano "attacchi di banditi".   Renzi è un paradosso vivente: è corpo estraneo alla sinistra, alla cultura democratica pur essendo a capo di un partito che si definisce "di sinistra" e "democratico". Si richiama ai valori della Resistenza e della Costituzione Repubblicana che ne è scaturita, ma l'ha manomessa gravemente minandola proprio in quei principi che dalla Resistenza sono nati, con forzature procedurali impensabili in un processo costituente (fiducia, tappe forzate etc). Come fare a liberarsi da questo impostore, buffone, tarlo della democrazia e parassita degli ideali della sinistra?  
BASTA UN NO!!!



Ulteriori riferimenti:

http://www.huffingtonpost.it/2016/09/15/renzi-partigiani-costituzione_n_12030404.html

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/09/16/referendum-confronto-renzi-smuraglia-chi-ascolta-non-cambia-opinione-fischi-a-renzi-per-il-jobs-act/3036874/

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/09/15/referendum-confronto-renzi-anpi-smuraglia-stravolge-la-carta-il-premier-democrazia-a-rischio-presa-in-giro/3036335/

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Referendum-Renzi-a-Festa-Unita-Bologna-confronto-con-Smuraglia-ANpi-51f152cb-4a88-4f30-8027-de4986941a90.html

http://www.repubblica.it/politica/2016/09/15/news/referendum_matteo_renzi_presidente_del_consiglio_bologna_match_renzi_smuraglia-147855341/

http://www.lastampa.it/2016/09/16/italia/politica/il-contropiede-di-renzi-finch-ho-la-fiducia-resto-6VCtqr4LEJIgWOaN0jxJIJ/pagina.html


Nessun commento:

Posta un commento