domenica 14 novembre 2021

Carbone "out" o carbone "down"? Il tradimento di Glasgow in una parola.

Come la celebre lepre della favola di Esopo che si attarda nella corsa con la tartaruga, sicura di riuscire a batterla e alla fine rimane beffata, la COP dell'ONU sul cambiamento climatico rimane sempre una lunghezza indietro rispetto all'emergenza climatica lenta ma inesorabile (proprio come la tartaruga). 

Adesso si sono accorti che c'è il cambiamento climatico e che la colpa è dei fossili. Ma quanto a smettere di finanziarli neanche a parlarne. 

Carbon Neutrality? Velleità da ambientalisti oltranzisti. 

Relegare il carbone nel passato? Fantasie da estremisti! 

Smettere di finanziare le fonti fossili con soldi pubblici? Non scherziamo per favore!  

E quindi di smetterla col carbone non se ne parla. Cina, India, Brasile non possono consentirlo. 

"E se i grandi produttori di energia da carbone non ci stanno", dicono i Grandi, "qui bisogna essere realisti". 

E va bene. Vogliamo essere realisti? Vogliamo attenerci ai fatti? Eccoli i fatti: in Sicilia e Sardegna intere zone costiere spazzate via da cicloni ci una forza inaudita mai visti prima. 














In Germania in pieno agosto, ci sono stati oltre 200 morti e 800 feriti in alluvioni violentissime mai registrate prima che hanno devastato alluvioni che hanno devastato i Länder di Coblenza e quella della Renania Palatinato e lungo il flusso del fiume Ahr  nell’area di Bad Neuenahr-Ahrweiler

Le perdite economiche globali dovute a disastri e catastrofi naturali sono stimate a 77 miliardi di dollari nella prima metà del 2021, mentre erano 114 miliardi di dollari nel 2020, come emerge da un report pubblicato da Swiss Re che sottolinea anche che la media delle perdite dovute a eventi climatici negli ultimi dieci anni è di 108 miliardi di dollari annui, mentre  4.500 persone hanno perso la vita o sono scomparse in eventi catastrofici nel primo semestre 2021.











“Gli effetti del cambiamento climatico si manifestano con temperature più calde, innalzamento del livello del mare, precipitazioni più irregolari e condizioni meteorologiche estreme. Insieme al rapido sviluppo urbano e all’accumulo di ricchezza nelle aree soggette a disastri, i pericoli secondari, come tempeste invernali, grandine, inondazioni o incendi, portano a perdite catastrofiche sempre maggiori. L’esperienza finora nel 2021 sottolinea i crescenti rischi di questi pericoli, esponendo comunità sempre più grandi a eventi climatici estremi. Ad esempio, la tempesta invernale Uri ha raggiunto un costo paragonabile a quello provocato da un uragano. Il settore assicurativo deve potenziare le sue capacità di valutazione del rischio per questi pericoli meno monitorati per mantenere ed espandere il suo contributo alla resilienza finanziaria” continua il report, per poi concludere che "il cambiamento climatico, rappresenta uno dei maggiori rischi per la società e l’economia globale. La recente analisi dell’Ipcc delle Nazioni Unite conferma che ci dobbiamo aspettare condizioni meteorologiche più estreme in futuro e sottolinea l’urgenza di agire per limitare il riscaldamento globale”.

L'IPCC, ( o Intergovernamental Panel on Climate Change), è un organismo costituito dall'ONU nel 1988 che funziona da foro scientifico delle Nazioni Unite, l'Organizzazione meteorologica mondiale e il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente allo scopo di studiare il riscaldamento global. In pratica è il gruppo di esperti creato per fornire i dati su cui si devono basare le decisioni delle Conference of Parties (COP) sul cambiamento climatico ( https://www.ipcc.ch/ ) Il Panel, si esprime attraverso appositi rapporti di valutazione che analizzano lo stato del cambiamento climatico e le possibili conseguenze sul pianeta e per la razza umana a breve medio e lungo termine. Il rapporto di valutazione è quinquennale e l'ultimo è previsto pwe il 2021/2022 e comprende i contributi di tre gruppi di lavoro:

  • Gruppo di lavoro I: basi fisico-scientifiche
  • Gruppo di lavoro II: impatti, adattamento e vulnerabilità
  • Gruppo di lavoro III: mitigazione del cambiamento climatico

Il primo studio è stato pubblicato nel 2021, gli altri due sono previsti per il 2022. 

Lo studio pubblicato ad agosto 2021 spiega che in base a nuove simulazioni dei modelli climatici, nuove analisi e metodi che combinano numerose evidenze, e che portano ad una migliore comprensione dell’influenza umana su un’ampia gamma di variabili climatiche, compresi gli estremi meteo-climatici, diventa evidente che  il livello di riscaldamento globale di 1,5°C verrà superato a meno che non ci siano riduzioni immediate, rapide e su larga scala delle emissioni di gas serra, vi si legge, limitare il riscaldamento a circa 1,5°C o addirittura 2°C sarà un obiettivo fuori da ogni portata ( per maggiori informazioni vedi https://ipccitalia.cmcc.it/climate-change-2021-le-basi-fisico-scientifiche-i-cambiamenti-climatici-sono-diffusi-rapidi-e-si-stanno-intensificando/ ).

Tali riduzioni immediate dovevano essere l'oggetto delle decisioni di Glasgow, ma non sono state prese in considerazione mentre si è andati avanti secondo una logica "Business as usual" perfetta per  continuare a ballare sul titanic ma catastrofica per prevenire la scomparsa della razza umana sul pianeta.

Infatti il documento approvato alla COP di Glasgow non ha nessun senso dell'emergenza catastrofica che stiamo vivendo e non solo non ha previsto alcuna limitazione e riduzione degli incentivi di 6000 miliardi di dollari annui elargiti all'energia fossile (https://www.qualenergia.it/articoli/fossili-2020-sussidi-5-900-miliardi-dollari/#:~:text=Al%20contrario%2C%20nel%202020%2C%20i,interno%20lordo%20a%20livello%20mondiale.)  ma, con un emendamento astutamente  presentato dagli indiani  fuori tempo massimo mentre gli inservienti spegnevano le luci e i custodi cominciavano a far defluire i presenti, è previsto che il carbone non venga più eliminato  (phased out dal mix energetico mondiale (come proponeva l'Unione Europea), ma solo gradualmente ridotto (phased down), 

E pensare che c'è chi ha il coraggio di considerarlo "un successo", solo perché un accordo è stato raggiunto e per la prima volta è stato concordato di ridurre il consumo dei "fossili" per attenersi all'obiettivo di più un grado e mezzo entro fine secolo nel documento finale. 

Non c'è stato nemmeno accordo sui tempi di erogazione dei fondi per le popolazioni e i paesi più colpiti dai cambiamenti climatici. I Paesi ricchi rimangono abbarbicati ai loro sacchi di monete come Paperon de Paperoni, e non si rendono conto che così facendo perdono ancora più soldi, quindi la loro è una strategia inefficace anche dal loro punto di vista. Infatti Alok Sharma. presidente della COP 26, nel presentare queste ridicole conclusioni è scoppiato a piangere davanti al plenum dei delegati.

Forse è venuto il momento di prendere atto del fatto che la COP è diventata uno strumento obsoleto, incapace di prendere sul serio perfino gli studi che commissiona essa stessa all'International Panel on Climate Change, e quindi bisogna inventare strumenti nuovi per combattere il cambiamento climatico e dare una chance di sopravvivenza alla razza umana sul pianeta, e che è venuto il momento di creare nuovi organismi animati da giovani e organizzazioni della società civile anziché da governi complici delle grandi lobby fossili. 




Per maggiori approfondimenti sul sesto rapporto di valutazione dell'IPCC:
Il Sesto Rapporto di Valutazione fornisce una valutazione dei cambiamenti climatici su scala regionale più dettagliata rispetto al passato. Per la prima volta il rapporto include un focus sulle informazioni utili per valutazione del rischio, l’adattamento e altri processi decisionali che sono di aiuto nel tradurre i cambiamenti fisici del clima – calore, freddo, pioggia, siccità, neve, vento, inondazioni costiere e altro – nei loro significati più diretti per le società e per gli ecosistemi.

Queste informazioni regionali possono essere esplorate in dettaglio nel nuovo Atlante interattivo (https://interactive-atlas.ipcc.ch/), dove sono disponibili anche schede sulle regioni, il riassunto tecnico e il rapporto che è alla base del materiale fornito.
L’influenza umana sul clima passato e futuro
“È chiaro da decenni che il clima della Terra stia cambiando, e il ruolo dell’influenza umana sul sistema climatico è indiscusso”, ha detto Masson-Delmotte. Il nuovo rapporto riflette anche importanti progressi nella scienza dell’attribuzione – la comprensione del ruolo dei cambiamenti climatici nell’intensificazione di specifici eventi meteorologici e climatici come ondate di calore estreme e precipitazioni intense.

Il rapporto mostra anche che le attività umane hanno ancora il potenziale per determinare il corso del clima futuro. È chiara l’evidenza scientifica che mostra che l’anidride carbonica (CO2) è il principale motore dei cambiamenti climatici, anche se altri gas serra e inquinanti atmosferici contribuiscono a influenzare il clima.
“Stabilizzare il clima richiederà riduzioni forti, rapide e costanti delle emissioni di gas a effetto serra, e raggiungere emissioni nette di CO2 pari a zero. Limitare altri gas serra e inquinanti atmosferici, specialmente il metano, potrebbe avere dei benefici sia per la salute che per il clima”


mercoledì 22 settembre 2021

Manifesto per le Comunità Locali di Interpreti, Artisti e Musicisti (C.L.A.I.M.)


Appello alle istituzioni



La musica e l'arte giocano un ruolo fondamentale nello sviluppo dell'essere umano.



Ascoltare e fare musica, specialmente per i giovani, e aiuta a superare momenti difficili, rappresenta



un elemento di riscatto umano e sociale.



Ma spesso i giovani incontrano ostacoli insormontabili che rendono difficile se non impossibile 



coltivare la loro passione per uno strumento o per il canto, per altre forme d'arte. Mancano spazi



nei  quali sia possibile coltivare le proprie passioni artistiche, suonando, cantando, recitando,



dipingendo e  sperimentando qualunque pratica artistica e musicale da soli o con altri.



Degli spazi in cui sia anche possibile incontrare altri musicisti, provare, mettersi alla prova davanti



a un  pubblico, sperimentare la propria abilità e creatività, imparare a confezionare un prodotto



musicale da  mettere in rete.



Per questo, gli artisti firmatari di questo manifesto, propongono la creazione di apposite "Comunità 



Locali di Artisti, Interpreti e Musicisti" (C.L.A.I.M.), con spazi dedicati messi a loro disposizione 



gratuitamente in ogni Comune e Municipio a partire dalla Capitale d'Italia



Noi siamo a vostra disposizione per creare d'intesa con i vostri assessorati alla cultura e agli affari 



sociali, un comitato comunale per la creazione e la gestione di case delle arti e della musica,



finanziato  dal bilancio comunale e da appositi programmi europei, che sia aperto anche alle



associazioni del  territorio e della società civile, ai comitati di quartiere, e che identifichi da subito



tutti gli spazi che potrebbero essere utilizzati per realizzare questa proposta.



Please don't ignore our C.L.A.I.M.


Questo manifesto è firmato da un numero crescente di artisti italiani e lo faccio mio perchè è totalmente nello spirito di questo blog.

Giuseppe Bockarie Consoli (in arte Laioung)




Anouar Jamali



Yesr Shabaka

Simone Meschia

Davide Lezzi (in arte Riesen)

Leonardo Magara (Fenderfunk)

Davide Marini

Alessio Romeo (name)

Samuel Fontana

Manuel Gagliardi

Marco Lorica (pheros)

Alessio Passini

Federico Del Bianco

Maurizio Lipoli

Gabriele Fabbri

Manuel Zaffiro

Mirko Bonavita

Riccardo Cianfoni

Carlo Caso

Stefano Lacopo (Skasso Love)

Davide Arcadi

Sergio Kotbi

michele giuliacci

cristiano liguti

Omar Shabaka

Manal Abdel

Sayed Shabaka

Mustafa Jamali

Fatima Badr

Silvia Trapanese

Stefano Antonaci

Lorenzo Iorio

Simone urbani

Anastasia Iannotta

Aurora Sciarrini

Denise pintore

Jelena maslovara

Fabrizio Ranzani

Mattia Montebianco

Federico montebianco

Ginevra Parrotta

Alessandro Listo

Ilaria Testay

Emiliano Spezia

Christian Picone



venerdì 26 marzo 2021

UNA GRAN DONNA DI NOME ANGELA

"Signora Merkel sbaglio o lei indossa lo stesso vestito di ieri?"
"Sono una funzionaria pubblica non una modella!"


La Merkel lascia la politica. La Germania le tributa 6 minuti di applausi.
In questo articolo di Marianne Gentile la si ricorda per quello che ha significato per il suo Paese. Ma io vorrei ricordarla anche per quello che ha significato per l'Europa. lei, di destra e cattolica ha fatto politiche più di sinistra di qualunque Schroeder e più politiche ambientaliste di qualunque "Groene". L'ho conosciuta nel 2004 appena insediatasi e ricordo il suo volto ispirato quando conobbe Rifkin (a questo argomento ho dedicato un intero capitolo del mio libro European Psycho). Ricordo anche che da professoressa di fisica comprese perfettamente il messaggio di Jeremy sul rispetto delle leggi della termodinamica nei modelli energetici, contro la combustione dei fossili e per la promozione delle rinnovabili, e riuscì a portare l'Europa sulla stessa linea.
Ma oggi voglio ricordarla come donna e come essere umano nobile, concreto e schietto. E per questo lascio la parola alla giornalista italo tedesca Marianne Gentile.

"La Germania ha detto addio ad Angela Merkel con sei minuti di calorosi applausi.
I tedeschi l'hanno scelta per guidarli, e lei ha condotto 80 milioni di tedeschi per 18 anni con competenza, abilità, dedizione e sincerità.
Durante questi diciotto anni di leadership nel suo paese, non ci sono state violazioni. Non ha designato una segreteria per nessuno dei suoi parenti. Non ha ostentato il suo ruolo. Non ha combattuto contro coloro che l'hanno preceduta.
Quando parlava, non diceva cazzate. Non si è presentata nei vicoli di Berlino per essere fotografata.
Lei è la donna che è stata soprannominata ′′ La signora del mondo ′′ ed è stata descritta come l'equivalente di sei milioni di uomini.
Pochi giorni fa Merkel ha lasciato la posizione di leadership del partito e l'ha consegnata a coloro che l'hanno sostituita, la Germania e la sua gente tedesca sono in una forma migliore rispetto a prima del suo arrivo.
La reazione dei tedeschi è stata senza precedenti in tutta la loro storia. Tutti in città sono usciti delle case e hanno applaudito calorosamente e spontaneamente per 6 minuti di fila.
Non c'è stato alcun complimento, ipocrisia, rappresentazione o esagerazione. La Germania si è presentata come un solo corpo salutando il suo leader, una fisica chimica che non si è lasciata sedurre dal potere, dalla moda o dalle luci. Non ha comprato immobili, auto, yacht o aerei privati, sapendo che era dell'ex Germania Est. Ha lasciato il suo posto dopo aver lasciato la Germania in mani sicure.
Diciotto anni alla guida del paese e non è cambiata. In una conferenza stampa un giornalista chiese alla Merkel: - noto che il suo vestito è lo stesso di ieri, non ne ha un altro?
Lei rispose: - Sono un funzionario del governo e non una modella.
In un'altra conferenza stampa gli è stato chiesto: - La signora ha domestiche che puliscono la casa, preparano i pasti, ecc.?
La sua risposta è stata: - No, non ho bisogno di loro. Io e mio marito facciamo questi lavori a casa ogni giorno.
La signora Merkel vive in un normale appartamento come ogni altro cittadino. Questo appartamento è quello in cui viveva prima di essere eletta Primo Ministro della Germania e non l'ha lasciato. Non possiede una villa con impiegati, piscine e giardini.
Questa è Angela Merkel, il primo ministro della Germania, la più grande economia d'Europa.



domenica 4 ottobre 2020

LUCI ED OMBRE DELLA STRATEGIA EUROPEA PER L'IDROGENO.



Oggi 5 ottobre, l' idrogeno verde è di scena al Senato in un mega evento organizzato dal Sen. Girotto, Presidente della Commissione Industria, Commercio e Turismo.



Ma cos'è l'idrogeno verde e quali degli oratori di questo sontuoso convegno sono davvero in grado di parlarne con competenza, cognizione di causa e onestà intellettuale?

La seconda domanda è quella più facile: di tutto questo altisonante e illustre parterre, quello che veramente si deve ascoltare è Nicola Conenna. 

Nicola sull'idrogeno verde si spende professionalmente e anche personalmente da prima che  Rifkin pubblicasse il famoso libro sull'idrogeno (Economia all'Idrogeno, Mondadori, 2002).


La risposta alla seconda domanda è molto più complessa e presuppone la lettura di un intero articolo scritto da me e da Mario Agostinelli. Ecco il link

buona lettura!

-----------------------------------------------------------





venerdì 17 luglio 2020

IL CETRI: DIECI ANNI DI LOTTE PER LA LIBERTA' LA PACE E LA DEMOCRAZIA ENERGETICA


In occasione della assemblea annuale 2020, il CETRI celebrerà con un cocktail sul barcone di Mare Vivo, e dopo con una cena sul barcone del ristorante Baja (entrambi sul Lungo Tevere Arnaldo da Brescia a Roma) , i suoi primi dieci anni. L’evento si articolerà con interventi dal vivo e videoregistrati, con introduzione del presidente Angelo Consoli, in veste anche di direttore europeo di Jeremy Rifkin, e conclusioni di Antonio Rancati, Coordinatore Generale e verrà trasmesso in diretta TV sul canale 78 del digitale terrestre di TeleAmbiente e reso disponibile sul web e diverse pagine social dalle ore 21,00 di giovedì 16 luglio 2020.

Ecco la nota esplicativa del Presidente Angelo Consoli
Esattamente 10 anni fa, il 16 luglio 2010, nasceva il CETRI-TIRES per iniziativa di un gruppo di esperti in vari campi della green economy ispirati dalla visione delle teorie sulla Terza Rivoluzione Industriale dell’economista americano Jeremy Rifkin, che auspicava un nuovo mondo basato su un modello economico distribuito, democratico, solare e digitale, e il superamento dell’attuale sistema energetico e economico fossile, ambientalmente e socialmente devastante, centralizzato e verticistico, con il definitivo raggiungimento da parte dell’essere umano della sovranità energetica, alimentare ed economica.
In questi dieci anni sono successe cose un tempo inimmaginabili che hanno portato il mondo in questa direzione. Sono nate nuove industrie e nuove figure professionali conseguenti al cambio di modello energetico e il mondo è cambiato andando sostanzialmente nella direzione prevista da Jeremy Rifkin. Ma è venuto il momento che tale cambiamento passi alla velocità superiore perché l’emergenza globale del Covid19 ha evidenziato come quel modello economico fossile da tempo zoppicante, sia totalmente insufficiente a rispondere alle sfide economiche sociali, ambientali e sanitarie che stiamo affrontando, perché è legato ad una visione del mondo che genera degrado ambientale, crisi climatica e malessere sociale e umano. Il CETRI-TIRES che nasceva per promuovere questo modello economico conforme alla visione di Rifkin, in questi 10 anni non è stato testimone passivo ma propulsore attivo di questo cambiamento.
Abbiamo partecipato a importanti momenti di questo cambiamento e contribuito alla sua elaborazione a vari livelli, da quello europeo, a quello nazionale a quello regionale e comunale assistendo industrie e enti locali virtuosi e interessati a porsi alla guida del cambiamento anziché esserne trascinati o travolti. Abbiamo assistito alla nascita delle prime comunità energetiche e favorito il loro riconoscimento nella legislazione comunitaria.
In conseguenza della decisione della Commissione Europea Ursula von der Leyen di abbracciare la visione globale del Green New Deal, proposta da Jeremy Rifkin come evoluzione della Terza Rivoluzione Industriale all’orizzonte del 2050, abbiamo creato una Academy per il Green New Deal che ci permetterà di assolvere a questo compito in modo più intenso e strutturato nei prossimi dieci anni decisivi.
La celebrazione del decimo anniversario del CETRI-TIRES è dunque l’occasione per un salto quantico nella nostra azione attraverso il confronto fra i diversi attori in ciascuno dei differenti settori di attività e la condivisione della nostra comune visione per il futuro, come motore del cambiamento per un Green New Deal globale.

mercoledì 3 giugno 2020

NEXT GENERATION EU: come cambiano le politiche economiche europee con il Recovery Plan contro la crisi della pandemia Coronavirus.


La pandemia di Coronavirus COVID 19 ha innescato una tempesta perfetta che  stronca in modo definitivo un modello economico che era già profondamente in crisi di suo: il modello economico ultra-liberista e speculativo che ha fatto prevalere nel corso degli ultimi 20 anni gli interessi dell'intermediazione finanziaria parassitaria basata sull'economia fossile sulle esigenze delle imprese e dell'economia reale. In questo festival dell'economia virtuale hanno prevalso modelli e parametri di misurazione come i cosiddetti "criteri di stabilità" della zona euro che non  avevano alcun rapporto con le esigenze dell'economia e della società, ma erano basati su assunzioni puramente teoriche di provenienza della cosiddetta scuola di Chicago (quella dell'economista Milton Friedman) che utilizzavano indicatori arbitrari e puramente aritmetici come quelli relativi al mantenimento di un determinato rapporto fra debito/deficit annuale e PIL di un Paese.
La crisi pandemica ha fatto crollare il PIL e fatto esplodere le esigenze di spesa pubblica nella sanità, l'assistenza sociale, l'istruzione. Quindi ha fatto definitivamente saltare questi parametri per cui oggi, in presenza della crisi da Coronavirus, nessun paese al mondo sarebbe in grado di rispettare il rapporto del 60% fra debito e PIL o del 3% fra deficit annuale e PIL. Di conseguenza, nessun Paese potrebbe essere considerato "virtuoso" nel dopo Coronavirus che fa crollare un PIL che secondo i parametri di stabilità invece dovrebbe cescere in continuazione e (tempesta perfetta!) fa esplodere una spesa pubblica che invece secondo i medesimi parametri dovrebbe ridursi il più possibile. Tanto per dirne una, il rapporto deficit PIL italiano che già era molto a rischio prima della crisi, oggi schizzerebbe ben oltre il previsto 3%, perchè il PIL è crollato del 10% e sicuramente scenderà ancora mentre la spesa pubblica salirà di una percentuale simile (pensiamo solo alla sanità o alle esigenze della scuola dove distanziamento sociale impone un raddoppio se non una triplicazione delle spese per il personale e le aule). In pratica il Coronavirus ci porta ad un rapporto Deficit annuale/PIL superiore di 4 o 5 volte al massimo consentito dagli astratti e arbitrari parametri europei. A questo punto, o l'Europa modifica i suoi parametri ammettendo di aver sbagliato a adottarli, oppure l'Euro salta. tanto è vero che ai primi di marzo, l'UE decise la sospensione dei suddetti parametri, perchè era diventato chiaro che essi erano assolutamente inadeguati a definire la stabilità di un paese colpito dalla gravissima crisi pandemica. E anche se si tratta solo di una sospensione, essa va interpretata come una resa incondizionata delle teorie economiche tradizionali "impiccate" ai totem del fanatismo ultraliberista, di fronte alla realtà. Ma l'Europa non si è limitata a sospendere i propri principi economici per contrastare la crisi determinata dalla pandemia. Da un lato ha provveduto a creare appositi fondi per la disoccupazione (SURE) e per la spesa sanitaria (linea di credito senza condizionalità del MES) e dall'altro ha elaborato un piano appena presentato a Bruxelles, che va sotto il nome immaginifico di NEXT GENERATION EU, e che è molto complesso e articolato. Per il momento non stiamo qui a sindacare su questo piano o a giudicarlo , ma vogliamo dare un contributo per capirlo, e per questo raccomandiamo la lettura di questo comprensivo articolo di Renzo Consoli, corrispondente da Bruxelles per Aska News.
Qui il link all'articolo di cui pubblico ampi stralci di seguito.
http://www.askanews.it/economia/2020/05/31/il-piano-di-rilancio-ue-tutto-quello-che-c%C3%A8-da-sapere-pn_20200531_00039/?fbclid=IwAR0GaTAG3BHMkAYpoFT11Gsk7NjioWGJez0YX6NdJnRsP3Lcy9S3SCI0yxU
Tutto quello che c’è da sapere sul piano di rilancio Ue
Bruxelles, 31 mag. (askanews) –

Oltre 3.000 pagine di documenti e proposte legislative e finanziarie, per un totale di 1.850 miliardi di euro da erogare con il prossimo periodo di programmazione del Quadro finanziario pluriennale comunitario 2021-2027 (Qfp), di cui 1.100 miliardi per il bilancio Ue ‘normale’, e 750 miliardi raccolti sul mercato con euro obbligazioni, che finanzieranno 500 miliardi di sovvenzioni e 250 di possibili prestiti agli Stati membri. Bisogna cominciare da queste cifre per capire l’entità e la portata del piano di rilancio economico dopo la crisi del Coronavirus, che la Commissione europea ha varato con la sua proposta del 27 maggio e precisato meglio nei dettagli nei giorni successivi, anche se il quadro è ancora incompleto.
Inoltre, l’Esecutivo comunitario ha proposto anche una ‘soluzione ponte’ per cominciare già nel 2020 a sostenere gli Stati membri e le imprese, con una revisione del bilancio in corso che prevede lo stanziamento di 11,5 miliardi di euro aggiuntivi.
‘Next Generation EU’
Nel pacchetto di proposte della Commissione, il piano di rilancio dell’economia da 750 miliardi di euro, chiamato ‘Next Generation EU’, consiste sostanzialmente in un bilancio complementare che va ad aggiungersi al bilancio comunitario 2021-2027 da 1.100 miliardi, con due caratteristiche specifiche. La prima è la sua fonte di finanziamento, che provenendo dall’emissione di titoli di debito sui mercati finanziari è esterna (in inglese ‘externally assigned revenue’) rispetto alle normali fonti (le ‘risorse proprie’) del bilancio. La seconda è la durata temporanea dello strumento, un ‘veicolo finanziario’ che concentrerà le erogazioni dei fondi ai beneficiari nei primi anni (‘front loading’) del periodo di programmazione, e si esaurirà entro il 2024.
I tre pilastri del piano di rilancio
‘Next Generation EU’ contiene tre ‘pilastri’: il primo riguarda il sostegno diretto agli Stati membri, e contiene quattro diversi fondi: 1) il Fondo di rilancio vero e proprio, chiamato ‘Recovery and Resilience Facility’, da 310 miliardi di euro in sovvenzioni, più la possibilità di fornire prestiti fino a 250 miliardi; 2) i fondi di coesione aggiuntivi di ‘React-EU’, da 50 miliardi; 3) 15 miliardi aggiuntivi di fondi per lo ‘Sviluppo rurale’ della Poitica agricola comune (Pac); 4) 30 miliardi aggiuntivi per il ‘Just Transition Fund’, il fondo che assisterà nella transizione ecologica delle aree economiche fortemente dipendenti dal carbone, che in totale ora disporrà di 40 miliardi.
Il secondo pilastro è diretto al sostegno alle imprese, con il forte coinvolgimento della Banca europea per gli investimenti (Bei) attraverso la concessione di garanzie di prestiti con il rafforzamento del programma InvestEU (il successore del Piano Juncker), la nuova ‘Strategic Investment Facility’ per le filiere strategiche per l’autonomia dell’Ue, la catena del valore e la sicurezza degli approvvigionamenti vitali. Inoltre, il nuovo ‘Solvency Support Instrument’ fornirà garanzie, attraverso gli intermediari, per la ricapitalizzazione delle imprese che sarebbero rimaste sane e vitali se non ci fosse stata la pandemia.
Il terzo pilastro riguarda ‘le lezioni apprese’ dalla crisi del Covid-19 e le sfide strategiche per l’Ue, e contiene il nuovo piano ‘EU4Health’ con cui si aggiungono 7,7 miliardi di euro al magro bilancio precedentemente previsto per il programma Ue per la salute, un rafforzamento da 2 miliardi di euro del programma ‘rescEU’ del Meccanismo di Protezione civile dell’Unione, più un cospicuo finanziamento aggiuntivo da 13,5 miliardi al programma comunitario per la Ricerca e sviluppo ‘Horizon Europe’ (che arriverà così in totale a 94,4 miliardi). Infine, è previsto un rafforzamento da 10,5 miliardi dell’azione esterna (politica di vicinato, cooperazione e sviluppo e aiuto umanitario).
Sovvenzioni e prestiti
I fondi del Piano di rilancio saranno erogati per due terzi (500 miliardi, a prezzi costanti del 2018) sotto forma di sovvenzioni a fondo perduto (‘grant’) e per un terzo (250 miliardi, sempre a prezzi costanti del 2018) saranno disponibili come prestiti agevolati. La cifra di 500 miliardi in sovvenzioni coincide con quella che era stata chiesta dal piano franco-tedesco del 18 maggio, a cui chiaramente la proposta della Commissione si ispira, almeno in parte.
Dove andranno le sovvenzioni
Bisogna però fare una distinzione: dei 500 miliardi di sovvenzioni, 405 saranno assegnati direttamente agli Stati membri, attraverso quattro diversi programmi (‘Recovery and Resilience Facility’, 310 miliardi, ‘ReactEU’ 50 miliardi, ‘Just Transition Fund’, 30 miliardi, ‘Sviluppo rurale’, 15 miliardi), secondo una chiave di ripartizione che prende in conto i danni economici e sociali subiti da ogni paese a causa della pandemia e del lockdown. Gli altri 95 miliardi andranno a finanziare interventi per i quali non è possibile una pre-allocazione per paese: 28,2 miliardi con i finanziamenti di ‘Horizon Europe’ (il programma comunitario per la Ricerca, 13,5 miliardi aggiuntivi) il nuovo programma per la salute ‘EU4Health’ (7,7 miliardi), il rafforzamento del Fondo di emergenza ‘rescEU’ (2 miliardi aggiuntivi) per le catastrofi naturali, comprese le epidemie, e l’azione esterna (15,5 miliardi); gli altri 66,8 miliardi circa saranno impiegati nelle garanzie per i prestiti alle imprese dei programmi  ‘InvestEU’ e ‘Strategic Investment Facility’, o per sostenere le ricapitalizzazioni delle aziende sane, ma cadute in crisi a causa del Covid-19, con il ‘Solvency Support Instrument’.
I prestiti
Oltre alle sovvenzioni, gli Stati membri avranno a disposizione una riserva di prestiti fino a 250 miliardi di euro a cui potranno attingere, se ne avranno bisogno per finanziare i loro investimenti e le loro riforme. I prestiti saranno erogati, su richiesta, a condizioni molto favorevoli (stesse cedole, stessa scadenza e stesso importo nominale dell’emissione di bond originale da parte della Commissione), beneficiando del rating tripla A. Gli Stati membri potranno chiederli, se non basteranno le sovvenzioni e se lo considerano utile (perché non sarebbero in grado di spuntare le stesse condizioni sul mercato) fino a un massimo corrispondente al 4,7% del loro Reddito nazionale lordo.
Emissione di debito Ue fino a 750 miliardi, le garanzie
Il piano ‘Next Generation EU’ sarà finanziato con una emissione di titoli di debito sui mercati da parte della Commissione per un ammontare fino a un massimo di 750 miliardi di euro, per coprire almeno i 500 miliardi di sovvenzioni, più gli eventuali prestiti fino a 250 miliardi. Queste obbligazioni saranno garantite da una parte dell’eccedenza (‘headroom’) degli impegni finanziari che saranno sottoscritti dagli Stati membri per il bilancio pluriennale 2021-2027 (Qfp), rispetto al tetto di spesa previsto.
L’ammontare totale del Qfp viene definito da due percentuali relative al Reddito nazionale lordo (Rnl) cumulato dell’Ue: il tetto di spesa (nella proposta attuale circa l’1,11% del Rnl), e il tetto degli impegni sottoscritti dagli Stati membri, chiamato anche ‘massimale delle risorse proprie’, che è sempre di poco superiore, per permettere un margine di intervento in caso di impresti. La proposta della Commissione prevede che il tetto degli impegni (che sono fondi sottoscritti ma non versati) sia aumentato permanentemente all’1,4%, e in più che sia temporaneamente quasi raddoppiato, al 2% del Rnl, in modo da poter costituire le garanzie per le emissioni di debito, che corrisponderanno dunque allo 0,6% del Rnl comunitario.
Come funzionano le emissioni di debito e chi paga
Le emissioni di debito avverranno gradualmente, secondo le necessità, fino al 2024. La Commissione ha il rating AAA e potrà scontare tassi d’interesse molto bassi. Gli interessi saranno pagati dal bilancio comunitario, fino alla scadenza dei titoli di debito, da 3 a 30 anni. Il rimborso finale del debito alla sua scadenza sarà pagato anch’esso dal bilancio comunitario, non prima del 2028 e non dopo il 2058. Qui la Commissione lascia agli Stati membri la decisione sulle modalità di rimborso: aumentare le loro contribuzioni al bilancio Ue, tagliare i finanziamenti ai programmi comunitari, o introdurre nuove ‘risorse proprie’, fonti di finanziamento autonomo dell’Unione con prelievo diretto.
Distribuzione dei fondi agli Stati, Italia prima beneficiaria
La distribuzione dei fondi del Piano agli Stati membri (tutti potranno avervi accesso), avverrà attraverso il bilancio comunitario e secondo una chiave che tiene conto (in base a complessi calcoli, modelli e simulazioni contenuti in uno ‘Staff Working Document’ della Commissione di 53 pagine), dell’impatto economico della pandemia in ciascun paese.
Secondo una tabella non ancora pubblicata ufficialmente dalla Commissione (intitolata ‘Pre-Allocated funding for Next Generation EU’), la ripartizione vedrebbe l’Italia come primo beneficiario, con 81,807 miliardi di euro in sovvenzioni e la possibilità di richiedere prestiti agevolati fino a 90,938 miliardi, per un totale di finanziamenti pari a 172,745 miliardi di euro.
Gli 81,807 miliardi di euro di sovvenzioni all’Italia provengono in massima parte, 63,380 miliardi, dal ‘Recovery and Resilience Facility’, e poi dagli altri tre fondi per i quali è prevista una pre-allocazione per Stato membro: 2,141 miliardi dal ‘Just Transition Fund’ mentre il resto (16,286 miliardi) sarà erogato dal programma ‘ReactEU’ e dai fondi dello ‘Sviluppo rurale’ il ‘braccio ambientale’ della Politica agricola comune. Non è possibile per ora disaggregare le cifre di questi ultimi due fondi, perché la Commissione non ha fornito indicazioni e le decisioni finali saranno prese solo dopo l’estate.
I fondi agli altri Stati membri
Tra gli Stati beneficiari, secondo la tabella non ufficiale della Commissione, al secondo posto ci sarebbe la Spagna (sovvenzioni 77,324 Mld, prestiti 63,122 Mld, totale 140,446 Mld), al terzo la Polonia (sovvenzioni 37,693 Mld, prestiti 26,146 Mld, totale 63,838 Mld) al quarto la Francia (sovvenzioni 38,772 Mld, senza prestiti), al quinto la Grecia (sovvenzioni 22,562 Mld, prestiti 9,436 Mld, totale 31,997 Mld), al sesto la Romania (sovvenzioni 19,626 Mld, prestiti 11,580 Mld, totale 31,206 Mld), al settimo la Germania (sovvenzioni 28,806 Mld, senza prestiti) all’ottavo il Portogallo (sovvenzioni 15,526 Mld, prestiti 10,835 Mld, totale 26,361 Mld), e poi tutti gli altri Stati membri, fino al ventisettesimo, il Lussemburgo (sovvenzioni 170 Mln, senza prestiti).
I Piani nazionali per richiedere i fondi
Per accedere ai fondi della ‘Recovery and Resilience Facility’, gli Stati membri dovranno presentare dei ‘Piani per la ripresa’ nazionali, con dettagliati obiettivi di spesa. I ‘recovery plan’ nazionali verranno approvati dalla Commissione dopo una procedura di consultazione degli Stati membri (‘comitologia’) che può portare al blocco dalla proposta solo se c’è una maggioranza qualificata di paesi contraria.
In questo contesto, ci sarà una forma di ‘condizionalità’, che riguarderà la corretta gestione dei fondi da parte dei paesi beneficiari. In particolare, sarà verificato il rispetto, negli obiettivi di spesa, delle priorità della Commissione riguardo al ‘Green Deal’ su clima e ambiente e alla transizione digitale, e l’attuazione delle riforme strutturali chieste nelle ‘Raccomandazioni specifiche per paese’ del cosiddetto ‘semestre europeo’ (il ciclo di coordinamento e sorveglianza dei bilanci nazionali).
Come già avviene da tempo per l’erogazione dei Fondi strutturali e di coesione, i finanziamenti saranno erogati in ‘tranche’ successive che verranno sbloccate dopo la verifica del corretto uso dei fondi già versati.
Necessarie unanimità in Consiglio europeo e ratifiche nazionali
Il Piano di rilancio da 750 miliardi dovrà ora essere approvato all’unanimità dal Consiglio europeo e poi ratificato dai parlamenti di tutti gli Stati membri. Il negoziato non sarà facile, e il tempo a disposizione è davvero limitatissimo. Sarà un miracolo se si riuscirà a completare il processo entro la fine dell’anno, in modo da poter cominciare all’inizio del 2021 con il piano e il nuovo bilancio comunitario pluriennale in vigore.
La prima discussione dei capi di Stato e di governo è prevista per il Consiglio europeo del 19 giugno, ma si parla già di un nuovo vertice straordinario all’inizio di luglio, durante il nuovo semestre della presidenza semestrale di turno tedesca del Consiglio Ue, che potrebbe essere risolutivo.
Le resistenze dei quattro ‘paesi frugali’
Nonostante tutto il peso che la Germania ha messo a favore del Piano di rilancio, bisognerà superare soprattutto le resistenze dei cosiddetti ‘Frugal Four’ (Austria, Olanda, Svezia e Danimarca). Questi ‘paesi frugali’ accettano, come tutti ormai, il progetto della Commissione di raccogliere i fondi sul mercato emettendo debito, ma vorrebbero un ‘volume di fuoco’ ben inferiore, e soprattutto chiedono che i finanziamenti siano erogati agli Stati membri solo sotto forma di prestiti e non come sovvenzioni.
E’ possibile che, per arrivare a un compromesso, il Piano della Commissione subisca delle modifiche. Ma, come si è visto durante il dibattito in plenaria dopo la presentazione della presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, un forte maggioranza del Parlamento europeo sostiene la proposta, così come una forte maggioranza dei governi, compreso quello tedesco, nel Consiglio europeo.
La rinuncia della Commissione all’eliminazione dei ‘rebate’
Una contropartita importante per cercare di convincere i ‘paesi frugali’ è costituita dalla decisione della Commissione di rinunciare a proporre l’eliminazione progressiva nel periodo 2021-2027 degli ‘sconti’ (‘rebate’), correzioni al ribasso sulle contribuzioni nazionali annuali al bilancio comunitario. che erano state concesse negli anni scorsi agli Stati membri più ricchi, fra i quali ci sono proprio l’Olanda, la Svezia, l’Austria e la Danimarca, oltre alla Germania e pochi altri.
Con Londra fuori dall’Ue non dovrebbe esserci più ragione di mantenere questi sconti per nessun altro Stato membro. Il ‘rebate’ originario era nato infatti nel 1985 a seguito delle pressanti richieste dell’allora premier britannica Margaret Thatcher con lo slogan ‘I want my money back’, ma negli ultimi anni erano stati introdotti dei meccanismi compensativi (‘correzioni sulle correzioni’) a favore di alcuni dei paesi ‘contributori netti’.
Nella sua precedente proposta del 2018 per il bilancio pluriennale 2021-2027, la Commissione aveva proposto di eliminare tutti i ‘rebate’ residui non di colpo, come sarebbe logico dopo la Brexit, ma progressivamente nell’arco di cinque anni. Ora, però, l’Esecutivo comunitario ha osservato che, ‘dato l’impatto della pandemia di Covid-19, l’eliminazione progressiva dei ‘rebate’ comporterebbe degli aumenti sproporzionati delle contribuzioni di alcuni Stati membri nel prossimo bilancio di lungo termine. Per evitare questo, gli attuali ‘rebate’ potranno essere e eliminati progressivamente lungo un periodo di tempo molto più lungo di quanto era stato previsto nel 2018′.
La proposta di nuove ‘risorse proprie’ per il bilancio Ue
Un elemento cruciale del progetto della Commissione è la proposta riguardante l’introduzione di nuove ‘risorse proprie’ per il bilancio comunitario.
Se gli Stati membri lo decideranno (e se i loro parlamenti ratificheranno tutti la decisione), con l’introduzione di nuove risorse proprie non sarà necessario aumentare le contribuzioni nazionali al bilancio comunitario dopo il 2027 per pagare i 500 miliardi del rimborso del debito contratto per finanziare il Fondo di rilancio che non saranno destinati a prestiti, ma a sovvenzioni. Né si dovrà, in alternativa, tagliare notevolmente la spesa delle voci ‘tradizionali’ di bilancio. Questa circostanza rappresenta un forte incentivo per far passare le nuove risorse proprie.
La Commissione propone diverse possibilità, tra le quali gli Stati membri sono chiamati a scegliere, potendo anche combinare diverse opzioni: 1) destinare al bilancio una parte dei ‘diritti di emissione’ del sistema europeo Ets (la borsa delle emissioni di CO2), prelevandoli dal gettito aggiuntivo dovuto alla prevista estensione del sistema anche ai settori dell’aviazione e della navigazione marittima (valore stimato 10 miliardi all’anno; 2) la ‘carbon tax’ sulle importazioni dai paesi terzi che non hanno sistemi equivalenti all’Ets, che sarà introdotta l’anno prossimo (valore previsto da 5 a 14 miliardi all’anno) ; 3) una ‘digital tax’ sulle grandi imprese (almeno 750 milioni di fatturato) del settore digitale (gettito previsto 1,3 miliardi l’anno); 4) un prelievo sulle operazioni nel mercato unico delle grandi imprese (valore previsto circa 10 miliardi l’anno).
La nuova proposta di Quadro finanziario pluriennale
Riguardo ai capitoli di spesa del bilancio comunitario pluriennale 2021-2028 (Qfp), la Commissione ripropone sostanzialmente l’ultima proposta che era stata presentata dal presidente del Consiglio europeo Charles Michel nel febbraio scorso (e bocciata dal vertice Ue), con qualche modifica minore, ma precisandone solo il valore assoluto di 1.100 miliardi di euro, e non la percentuale rispetto al Reddito nazionale lordo (Rnl). Questo perché, se si ragionasse in termini percentuali, la caduta del Pil nel 2020, causata dal Covid-19, potrebbe cambiare in modo rilevante le cifre.
Le novità più importanti del nuovo Qfp, oltre all’aumento temporaneo del tetto degli impegni finanziari degli Stati membri al 2% del Rnl comunitario (per le garanzie necessarie all’emissione di debito Ue), e all’integrazione nel bilancio del piano ‘Next Generation EU’, sono il rafforzamento dei programmi riguardanti la ricerca, la salute e l’azione esterna.
La scomparsa del Bicc
Un’altra modifica riguarda la decisione della Commissione di rinunciare, nella sua nuova proposta, all’introduzione del Bicc (‘Budgetary Instrument for Convergence and Competitiveness’), uno strumento per finanziare le ‘riforme strutturali per la competitività’ nell’Eurozona. Inizialmente, il Bicc era stato preso in considerazione come un modo per imporre una più forte ‘condizionalità’ per il sostegno finanziario agli Stati membri. Il Bicc, in realtà, era legato alla vecchia logica dell’austerità, inadatta alla situazione attuale in cui i paesi sono incoraggiati a investire, e non a ridurre la spesa pubblica. Inoltre, la sua caratteristica di strumento limitato ai paesi dell’Eurozona lo rendeva inappropriato alla portata del Piano di rilancio economico che riguarda tutta l’Ue.
Tutte le voci del nuovo bilancio Ue
La suddivisione fra i capitoli di spesa prevede: 1) 210 miliardi per ‘Mercato unico, Innovazione e Digitale’, di cui 69,8 dal Fondo di rilancio ‘Next Generation EU’; 2) 984 miliardi per la politica di coesione, di cui ben 610 dal Fondo di rilancio; 3) 402 miliardi per il capitolo ‘Risorse naturali e Ambiente’ (che comprende anche la Politica agricola comune) di cui 45 miliardi dal Fondo di rilancio; 4) 31,1 miliardi per ‘Immigrazione e Gestione delle frontiere’; 5) 29,1 miliardi per il capitolo ‘Resilienza, Sicurezza e Difesa) di cui 9,7 miliardi dal Fondo di rilancio; 6) 118,2 miliardi per il ‘vicinato’ e le relazioni esterne, di cui 15,5 dal Fondo di rilancio; 7) 74,6 miliardi, infine, per l’Amministrazione europea.
La ‘soluzione ponte’: 11,5 miliardi per il 2020
L’ultimo elemento importante delle proposte della Commissione è la ‘soluzione ponte’ prospettata per consentire di cominciare a erogare una parte dei fondi del Piano di rilancio già nella seconda metà del 2020. Questo non sarebbe possibile con il Piano che si basa sul bilancio 2021-2027, e l’Esecutivo comunitario ha perciò proposto un aumento straordinario dei contributi degli Stati membri all’ultimo anno dell’attuale Qfp, il 2020, appunto, in modo da poter avviare già alcuni dei programmi previsti dal Piano di rilancio.
Il bilancio annuale del 2020 verrà aumentato così di 11,5 miliardi di euro, che saranno destinati per la massima parte (5 miliardi ciascuno) a due programmi: ‘ReactEU’ per i fondi di coesione e il ‘Solvency Instrument’, il fondo che fornirà garanzie per la ricapitalizzazione delle imprese sane che rischiano di fallire a causa del Covid-19. Altri 500 milioni di euro andranno ad aumentare il capitale dello ‘EU Investment Fund’, per gli investimenti delle aziende private, e 1 miliardo, infine, al ‘Sustainable Fund’ esterno, per i paesi candidati dei Balcani occidentali.